Il 2021 di Pello Bilbao: prima per Landa poi per sé stesso

Pello Bilbao in allenamento nello straordinario scenario delle Canarie (foto:Instagram/Pello Bilbao)
Tempo di lettura: 2 minuti

Quattro settimane di recupero totale. È questo il riposo che si è concesso Pello Bilbao dopo un 2020 che l’ha visto gareggiare per un totale di ben 71 giorni.

Nessun altro corridore ha sommato tanti giorni di competizione nella stagione appena trascorsa, un’annata che per il portacolori della Bahrain-Victorious si è così rivelata decisamente intensa.

«Volevo massimizzare la stagione» ha dichiarato il trentenne di Guernica a Marca.«Non ho mai pensato di rinunciare al Giro perché ero stanco. Alla fine però è stato impegnativo. L’ultima settimana in Italia ho visto che il mio corpo era un po’ ‘al limite ma non ho sentito la fatica come in altre occasioni perché avevo una grande motivazione e la squadra era molto coinvolta».

Prima gregario poi capitano

Nonostante avesse corso precedentemente il Tour de France a supporto di Landa, sulle strade della Corsa Rosa Bilbao è riuscito a portare a casa un più che dignitoso quinto posto, un risultato per il quale lo spagnolo non ha particolari rimpianti.

«Non ho recriminazioni. Concludere così in alto il Giro era qualcosa che non avevamo preventivato e va valutato nel giusto modo. Finire 5 ° dopo tutto quello che ho fatto penso sia un piazzamento di grande valore. La squadra è stata contenta e anch’io lo sono stato, pur sapendo che eravamo in lotta per il podio e ci abbiamo creduto fino in fondo. In ogni caso è stato fantastico concludere in quella posizione».

Doppio ruolo

Anche nel 2021 Bilbao, pur non avendo ancora affrontato nel dettaglio con la squadra il tema calendario, dovrebbe sdoppiarsi e fare da spalla a Landa prima di giocarsi le sue carte in un altro grande giro.

«Non sappiamo ancora quale sia il calendario. Stiamo valutando la questione dei programmi ma c’è ancora molto da fare. L’idea è di puntare con Landa a una grande corsa a tappe e quindi avere un’opportunità personale. Come quest’anno, ma con ancora più convinzione».