Dal fish’n chips di Thomas al tartufo di Alba; da Maradona e Remco all’idolo Moser. Ganna riparte sognando Tokyo

Tempo di lettura: 2 minuti

Filippo Ganna tutto in un sorso. Volete una sintesi super ermetica delle cose più curiose e divertenti che il campione del mondo in carica a crono ha detto sul profilo Instagram del Giro d’Italia in quasi 20 minuti di intervista? No? Beh, allora “skippate” pure e cambiate pagina. Sì? Okay, allora fate un bel respiro e leggete tutto in meno di un minuto…

A proposito di Thomas…

“G” è un grande! Dopo il ritiro al Giro mangiava fish’n chips a casa bello tranquillo. Io sarei saltato di testa.

Tra il mondiale e il Giro…

Meglio il Giro. La rosa, quattro tappe e poi Tao: super emozionante!

Una “scoperta” fatta al Giro…

Il mal di gambe sul Sestriere. Acido lattico alle stelle quando il gruppo era ancora compatto. Aiuto!

Su Diego Armando Maradona…

Con lui a Fifa Super 90 vinco sempre anche se sono una schiappa. Un Dio del calcio, riposi in pace.

Sulla Roubaix e sull’Ora…

L’ho vinta da U23 ma era un’altra musica: meno chilometri e meno pavè. Da 0 a 10 oggi il Record dell’Ora sta a 5. A fine 2021 magari ci proverò. Chissà.

A proposito di Remco…

Seguo sui social il suo veloce recupero. Tenace e determinato: lo aspetto in gruppo.

Sul tempo libero post Covid…

Videogiochi “a nastro” con Scartezzini che a Fortnite è un drago e buona cucina con la pasta al tartufo (vinto ad Alba) cucinata da mamma e tanta carne arrosto!

A proposito di Tokyo…

A Rio eravamo una banda di scapestrati. In Giappone sarà diverso e Viviani e Villa saranno le nostre guide.

Sul migliore compagno di squadra…

Puccio e Tao “uber alles”. Simpatici, generosi e ironici, anche in corsa: Tao sul Sestriere vedendomi in croce saliva fischiettando.

I tre più forti in questo momento e un augurio a Froome…

Alaphilippe, Van Aert e Tao! Chris? Spero abbia una squadra capace a sostenerlo al meglio.

La sua corsa dei sogni (dopo il Giro)…

La Tirreno perché è stata la prima gara WT che ho corso in carriera e poi perché l’ho sempre fatta. Un giorno la vincerò!

Il suo idolo…

“Moserone” tutta la vita. Un esempio, un eroe, un mito!