La Cofidis si rinforza per aiutare Martin nei grandi Giri

Martin
Martin ha chiuso all'11° posto il Tour de France (Foto: ASO / Alex Broadway)
Tempo di lettura: 2 minuti

Guillaume Martin è stato il migliore dei francesi al Tour de France. 11° in classifica, il “filosofo” del gruppo ha impressionato per la qualità con la quale in salita è rimasto attaccato ai migliori durante la prima metà della corsa. Addirittura, al termine delle tappe pirenaiche, si alimentavano speranze da podio: Martin infatti usciva dalle frazioni corse tra le montagne del sud della Francia al terzo posto a pochi secondi dal leader Roglič.

Poi la sua condizione è andata via via calando, alcuni problemi di natura meccanica prima del durissimo Col de Neronne nella tappa conclusa sul Le Puy Mary ne hanno un po’ condizionato il rendimento, ma il team Cofidis è rimasto ugualmente soddisfatto tanto da decidere di puntare su di lui anche per il prossimo futuro.

Cofidis: in arrivo Fernandez e altri corridori


Come riporta stamattina L’Equipe, infatti, Cedric Vasseur ha deciso di costruire una squadra con diversi elementi utili a supportare il ventisettenne scalatore francese per i prossimi grandi giri. E in quest’ottica è da leggere l’acquisto annunciato proprio in queste ore dello scalatore spagnolo Ruben Fernandez. Ventinove anni, Fernandez quest’anno corre con la maglia arancione della Euskaltel-Euskadi, ma ha vestito per ben cinque anni quella della Movistar ed è conosciuto soprattutto per aver vinto il Tour de l’Avenir nel 2013 davanti ad Adam Yates e Patrick Konrad. Vassuer sottolinea poi, come saranno ancora due gli elementi da ricercare per rinforzare la squadra in salita, e magari si andranno a pescare in quelle compagini in grossa difficoltà economica.

«Dopo Fernandez arriveranno altri due scalatori. Martin ha bisogno di supporto, non in termini quantitativi ma qualitativi. Herrada non è andato male a questo Tour, ma è discontinuo, Edet invece ha reso al di sotto delle aspettative. Abbiamo bisogno di corridori forti, che si sacrifichino e capaci di stare davanti in situazioni intricate di corsa, come ad esempio quando piove. Martin è forte, ma in squadra le cose non sempre vanno come devono andare. Abbiamo ancora altri cinque o sei posti disponibili e nei prossimi giorni faremo nuovi annunci. Stiamo seguendo da vicino le vicende che riguardano EF, NTT che come il CCC Team rischiano di chiudere a fine stagione, ma devo rispettare le quote francesi per la squadra e purtroppo in quelle formazioni non ci sono corridori francesi».